La pagina si sta caricando...
4pediatriapa Seguici su Facebook // 8 settembre Giornata mondiale della fisioterapia //15 settembre Giornata mondiale della consapevolezza sul linfoma // 21 settembre Giornata mondiale dell’Alzheimer // 28 settembre Giornata mondiale contro la Rabbia // 29 settembre Giornata mondiale del cuore //

16/12/18

Oss, vietata somministrazione terapia: si rischia la galera. Pene anche per l'Infermiere.

Oss, vietata somministrazione terapia: si rischia la galera. Pene anche per l'Infermiere.

clip_image002

Dott. Angelo Riky Del Vecchio Categoria principale: Altre Professioni Operatori Socio Sanitari 07 Dicembre 2018
Testo
Le inchieste di AssoCareNews.it
Cosa succede all’Operatore Socio Sanitario se prepara e somministra la terapia farmacologica ai Pazienti di una qualsivoglia struttura di cura? Fa abuso della Professione Infermieristica e Medica e si pone nelle ore dell’art. 348 del Codice Penale,

14/12/18

SINDROME CARDIO FACIO CUTANEA


  SINDROME CARDIO FACIO CUTANEA 

     Codice esenzione : RN1150


https://4pediatriapa.blogspot.com/

 


Definizione
Il disordine ha molte caratteristiche in comune con la sindrome di Noonan, e rimane incerto se sia o meno un'entita separata. Le anomalie cardiache possono essere varie: la stenosi polmonare e la piu frequente, seguita dal difetto del setto atriale. Le anomalie facciali sono similari a quelle della sindrome di Noonan , ma i capelli sono particolarmente radi, friabili e ricci. La testa e relativamente grande, se comparata all'altezza e c'e un'evidente restringimento bitemporale. La cute e secca, con la tendenza a sviluppare lesioni ipercheratosiche, soprattutto alle superfici estensorie, che possono

29/10/18

RISCHIO CLINICO in ETA' PEDIATRICA

RISCHIO CLINICO in ETA' PEDIATRICA: gli ERRORI TERAPEUTICI nell’EMERGENZA.
clip_image001
L’American Institute of Medicine ha stimato che negli USA gli errori terapeutici, incluse le automedicazioni,  uccidono ogni anno 7.000 persone. Sebbene i bambini siano generalmente più sani degli adulti, essi sono esposti tre volte di più ad errori terapeutici potenzialmente pericolosi a causa della necessità di personalizzare la dose del farmaco in base al peso corporeo e all’età,